Le migliori gelaterie di Roma


Le migliori gelaterie di Roma secondo i nostri esperti food blogger

Anche se si trovano riferimenti addirittura nella Bibbia e nella cultura degli antichi romani, la nascita della versione più vicina al nostro concetto di gelato è orgogliosamente italiana. Nel 1600, un gentiluomo palermitano riuscì, dopo vari tentativi, a preparare la famosa miscela fatta di latte, panna e uova. Andò a Parigi e aprì il Caffè Procope, il primo “caffè – gelateria” della storia, in cui trovò definitiva consacrazione il gelato moderno. Da quel momento di strada ne è stata fatta e soprattutto la Capitale è diventata regina indiscussa, con il suo proliferare di gelaterie artigianali.

La nostra personale classifica:

Tony

Situato a Monteverde, all’angolo dei Colli Portuensi, la Gelateria Tony è un’istituzione dal 1965. La professionalità, la qualità e la passione che caratterizzano questo locale lo hanno reso punto di riferimento per gli amanti del settore. Oltre al classico gelato declinato in tutte le sue accezioni dalle creme alla frutta, le specialità rimangono “gli spaghetti” e “l’uovo al tegamino”, preparazioni che assumono le forme più creative. Ma anche le granite, gli zuccotti, i tronchetti, la coppa primavera e i bocconcini sono molto gettonati. I tre fratelli che gestiscono questa storica gelateria hanno servito intere generazioni e il segreto del loro successo è la freschezza degli ingredienti. La frutta è sempre di giornata e le creme vengono prodotte quotidianamente nel loro laboratorio adiacente. Da provare almeno una volta nella vita.

Gelateria dei Gracchi

Nel cuore di Prati, la gelateria dei Gracchi risponde ad un solo imperativo: seguire il ritmo della natura. Infatti non troverete mai un prodotto fuori stagione ma in compenso tutto ciò che viene proposto avrà un gusto fuori dal comune anche grazie all’assenza di conservanti, coloranti e grassi idrogenati. In questa gelateria è presente una parte dedicata agli intolleranti al lattosio e al glutine, e sarà possibile scegliere alcune varietà di gusti indicati. Consigliati: il gusto zibibbo, riso e miele, pera al caramello, mela e cannella, fichi secchi e mandorle tostate , tutti naturalmente se la stagione lo consente. Non è difficile che si debba fare un po’ di fila ma l’attesa avrà una dolce ricompensa.

Fior di luna

Innovazione e tradizione riescono a viaggiare insieme in questa famosa gelateria di via della Lungaretta. Innovativi i metodi di preparazione, ingredienti di prima qualità e una scelta: quella di servire tutte le preparazioni solamente dentro le coppette. Si inizia dalle creme, realizzate con latte d’asina per rendere il gelato più digeribile, per arrivare al cacao, scelto tra le varietà più pregiate e acquistato da piccole realtà locali. Tra le particolarità il gelato a basso contenuto calorico, realizzato senza zuccheri aggiunti e ricco di fibra .

Palazzo del Freddo Giovanni Fassi

E’ passato ai coreani da un paio di anni ma per cinque generazioni, dal 1880, la dinastia Fassi è stata l’emblema del gelato a Roma. Se vi trovate all’Esquilino una tappa è d’obbligo, perché nonostante il passaggio di testimone la qualità è rimasta invariata

Specialità della casa “Il Sanpietrino”, gustoso semifreddo che prende il nome dalla pavimentazione delle strade della Capitale, si presenta con una glassa esterna di cioccolato che può ricoprire crema, zabaione , nocciola, cioccolato, caffè o cocco.

Dalodi

Ha appena aperto i battenti questo locale del Pigneto figlio del celebre Necci che si presenta come una delle più piacevoli novità di questa primavera 2016. Una sfida importante quella che si sono prefissati i suoi proprietari, un format nuovo che unisce la gelateria, la griglieria e la pizzeria tutto in un unico ambiente. Alta qualità e prezzi low cost le sue parole d’ordine . La parte dedicata alla gelateria si trova subito appena entrati. Un lungo banco color latte, realizzato in marmo e legno, presenta venti differenti gusti per tentare i suoi avventori. Ogni gelato è realizzato artigianalmente con prodotti naturali e il latte utilizzato proviene da fattorie garantite. I gusti di frutta, a rotazione a seconda della stagione, sono privi di coloranti. Un occhio di riguardo al mondo vegan, infatti quattro gusti alle creme sono realizzati senza latte, sostituito con l’olio di oliva. Un’idea originale con la possibilità di poter scegliere all’ultimo da cosa farsi tentare.

E per voi quali sono le migliori gelaterie di Roma?

Federica Casavola

Rispondi