Ristoranti Roma https://www.mangiaroma.com Migliori Ristoranti a Roma Mon, 15 Oct 2018 16:49:23 +0000 it-IT hourly 1 90983729 5 ristoranti per stupire a Roma https://www.mangiaroma.com/5ristorantiperstupirearoma/ https://www.mangiaroma.com/5ristorantiperstupirearoma/#respond Mon, 15 Oct 2018 16:39:53 +0000 https://www.mangiaroma.com/?p=5493 Stanchi della solita pizza o della trattoria sotto casa? Volete provare qualcosa di diverso, di insolito e divertente? Ecco trovati per voi i 5  ristoranti romani meno convenzionali in circolazione, per passare una serata diversa dal solito, mangiare bene e un’esperienza da raccontare! RISTORANTI PARTICOLARI A ROMA: RISTOAEREO Una delle location più suggestive e fuori […]

L'articolo 5 ristoranti per stupire a Roma proviene da Ristoranti Roma.

]]>
Stanchi della solita pizza o della trattoria sotto casa? Volete provare qualcosa di diverso, di insolito e divertente? Ecco trovati per voi i 5  ristoranti romani meno convenzionali in circolazione, per passare una serata diversa dal solito, mangiare bene e un’esperienza da raccontare!

RISTORANTI PARTICOLARI A ROMA:

RISTOAEREO

Una delle location più suggestive e fuori dagli schemi che si possano provare. Cenare all’interno di un aereo ormai in pensione è un’emozione che possono raccontare in pochi. Soprattutto se, come in questo caso, il jumbo in questione è tranquillamente adagiato a terra. Si trova a Fiumicino il ristoaereo ed è ormai un’istituzione. 

Ricavato da un Convair Metropolitan 440 del 1957, veivolo che negli anni Sessanta faceva parte del Trentunesimo Stormo dell’Aeronautica Militare,il ristoraereo può vantare un menù di valore.  Si mangia dell’ottimo pesce, e la freschezza degli ingredienti è sempre garanzia di qualità.  Via Trincea delle Frasche, 90 (Fiumicino).

TRAMJAZZ 

Rimanendo in tema di trasporti e location fuori dal comune come non essere rapiti dall’atmosfera che si respira al Tramjazz. Nei pressi di Porta Maggiore è possibile salire a bordo e iniziare un viaggio fatto di musica, buon vino e prodotti di prima qualità. Il tram è una vettura Stanga del 1947 della Collezione storica di Atac. Si vedono dai finestrini i tavoli apparecchiati e le candele accese. La  musica inizia con la band, sistemata nella giostra girevole al centro vettura, e nel mentre vengono servite le prime portate. 

Il giro prevede le tappe per S. Lorenzo, Viale Regina Margherita, Valle Giulia, S. Croce in Gerusalemme, S. Giovanni fino ai Fori Romani, e infine, il binario–sosta del Parco del Celio, proprio davanti al Colosseo.

SOLO CRUDO

Cucina vegana e soprattutto crudista nel cuore del quartiere Prati a Roma. Uno street food ecosostenibile con una nuova ed estrema filosofia culinaria: quella di non servire nulla di cotto ma preparazioni diverse a seconda dell’alimento prescelto. Si spazia dagli spaghetti cacio pepe e funghi ( gli spaghetti sono realizzati con delle zucchine) alla tartare di pomodori e kiwi. Da non perdere il CHOCO TRIS, una mousse di cioccolato bianco, mousse di cioccolato fondente, brownie di cacao e nocciole e frutti di bosco. Via Federico Cesi, 22 (Zona Prati).

TAM TAM PUB

Trovarsi in una giungla nel cuore di Roma? Si è possibile e non ci riferiamo al traffico cittadino ma ad una vera e propria foresta  tropicale nel cuore del Pigneto. Vegetazione, ponti tibetani bestie feroci, e uno scivolo nascosto dietro una fontana dal quale si deve obbligatoriamente passare per entrare in questo ristorante. 

Oltre la carne alla griglia il menù serale propone anche antipasti, primi piatti e pizza. Si può scegliere tra una vasta offerta di birre artigianali ed usufruire dell’eccellente servizio bar con la degustazione dei migliori Whisky e Rum in commercio. Via Attilio Mori, 9 (zona Pigneto).

MOVIE RESTAURANT ROMA

Ne abbiamo già parlato quando ha aperto, ma vogliamo segnalarlo nuovamente in questo articolo per la sua originalità e peculiarità. E’ il primo movie-restaurant europeo dove si mangia immersi tra serie tv anni 80, manga giapponesi e film che hanno fatto la storia del cinema. Appena arrivati una navetta con le sembianze del mitico furgone nero con strisce rosse dell’A-Team vi accompagnerà all’interno del locale. Il menù è a tema cinema, la pasta è fatta in casa come anche la pasticceria, fiore all’occhiello del ristorante. In via Via Jaspers 54 (zona Talenti).

Federica Maria Casavola

 

L'articolo 5 ristoranti per stupire a Roma proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/5ristorantiperstupirearoma/feed/ 0 5493
Culinaria il gusto dell’identità: biennale di arte e cibo https://www.mangiaroma.com/culinaria-il-gusto-dellidentita-biennale-di-arte-e-cibo/ https://www.mangiaroma.com/culinaria-il-gusto-dellidentita-biennale-di-arte-e-cibo/#respond Fri, 28 Sep 2018 11:12:35 +0000 https://www.mangiaroma.com/?p=5489   Sabato 29 e domenica 30 apre i battenti “Culinaria il gusto dell’identità” , arrivata quest’anno all’11esima edizione. La “Biennale di arte e cibo” avrà luogo nello spazio Wegil a Trastevere e vedrà come protagonista l’arte in tutte le sue declinazioni. Padroni di casa  dell’evento chef e artisti che si esibiranno e daranno prova della […]

L'articolo Culinaria il gusto dell’identità: biennale di arte e cibo proviene da Ristoranti Roma.

]]>
 

Sabato 29 e domenica 30 apre i battenti “Culinaria il gusto dell’identità” , arrivata quest’anno all’11esima edizione. La “Biennale di arte e cibo” avrà luogo nello spazio Wegil a Trastevere e vedrà come protagonista l’arte in tutte le sue declinazioni. Padroni di casa  dell’evento chef e artisti che si esibiranno e daranno prova della loro arte. 

La kermesse presenterà performance dal vivo e realizzazioni in cui la poetica degli artisti viaggerà in parallelo a quella degli chef coinvolti, attraverso interazioni da cui far emergere un preciso “stile personale”. 

Il percorso creativo, con la cura  di GMGProgettoCultura, ruota intorno a quattro filoni tematici che sono il risultato di 16 incontri tra chef italiani e internazionali con artisti di fama mondiale, i quali, confrontandosi gli uni con gli altri, hanno ideato espressioni artistiche che in modo del tutto spontaneo hanno fatto perno su: l’elemento spirituale, la profondità del mare, la condivisione e l’interazione dell’opera con il pubblico. E’ nata così una mappa sul senso profondo del nutrire e del nutrirsi, fatta di memorie, identità e nodi interiori, che emerge dalle opere pensate insieme e grazie ad esibizioni sul palco in sessioni di 45 minuti.

Culinaria è organizzata dallo chef romano Francesco Pesce e Fabrizio Darini, curata da GMGProgettoCultura, con il contributo di Regione Lazio, Arsial e Car. 

I protagonisti 

– Gianfranco Pascucci del Pascucci al Porticciolo di Fiumicino (1 stella Michelin) e l’artista Ria Lussi

  • Anthony Genovese, chef de Il Pagliaccio di Roma (2 stelle Michelin), e Barbara Salvucci, nota per le sue sculture in resina e trame di metallo. 
  • Andrea Tortora, alla guida della pasticceria del St. Hubertus (3 stelle Michelin) del Rosa Alpina Hotel & Spa di San Cassiano (Val Badia), si confronta sul tema del principio di sottrazione e dell’acqua con Pere Gifre, artista e ingegnere spagnolo. 
  • Roy Caceres, chef del ristorante Metamorfosi di Roma (1 stella Michelin), propone con Franco Losvizzero, video-artista e maestro nelle sculture meccaniche, l’installazione Finestra-Minestra.
  • Francesco Apreda, chef dell’Imàgo dell’Hassler Hotel di Roma (1 stella Michelin), presenta per la prima volta la lingua in sanguinaccio di ricci di mare, nell’ambito dell’installazione Vulcano pensata dall’artista Matteo Giuntini
  • Giuseppe Iannotti del Krèsios di Telese Terme (Benevento, 1 stella Michelin) trova in un’elaborazione sull’idea di bellezza tra Oriente e Occidente insieme all’artista  Giuseppe Guanci. 
  • L’artista Davide Dormino dialoga con la poliedrica chef Cristina Bowerman
  • Adriano Baldassarre de Il Tordomatto di Roma (1 stella Michelin) collabora con Carlo Carfagni, artista, regista e videomaker. 
  • L’americano Tim Butler, protagonista della nuova scena culinaria thailandese con il ristorante Eat Me di Bangkok, si confronta con l’architetto, pittore e scultore romano Massimo Catalani
  • Mauro Uliassi, del ristorante Uliassi di Senigallia (Ancona, 2 stelle Michelin), presenta un’introspettiva con l’affermato fotografo Lorenzo Cicconi Massi. 
  • Cristiano Tomei, re del ristorante L’imbuto (1 stella Michelin) del Lucca Center of Contemporary Art, omaggia l’arte di Andrea Salvetti, tragicamente scomparso nel 2017 dopo anni di collaborazioni con i più grandi nomi della cucina italiana. 
  • I dolci di Walter Musco della pasticceria Bompiani di Roma incontrano Francesca Romana Pinzari, artista che lavora con video, installazioni, performance, scultura e pittura in opere polimateriche. 
  • Fabrizio Mantovani, chef e patron del FM con Gusto dello storico Hotel Vittoria di Faenza (Ravenna), e Matteo Monti, anima negli ultimi anni del Rebelot di Milano, incontrano il collettivo Kitchen Super ERo
  • Gli chef Benedetto Rullo, Lorenzo Stefanini e Stefano Terigi del Giglio di Lucca, esplorano le connessioni tra cibo e fashion con Nicoletta Lanati, titolare della Starlight di Luisago (Como). 
  • Lukas Mraz, del Mraz & Sohn di Vienna (2 stelle Michelin), collabora con suo fratello Manuel Mraz, pittore, in una performance dal vivo su un piatto della tradizione romana rivisitato. 
  • Paolo Lopriore de Il Portico di Appiano Gentile (Como), con lo storico della gastronomia Luca Govoni impegnati insieme in una ricerca comune sulle radici antropologiche del nostro stare a tavola, illustrano la cucina circadiana con pesi artigianali, in un percorso verso il rispetto dei ritmi fisiologici dell’organismo.

Sabato 29 e domenica 30 ingresso gratuito

We Gil Trastevere Largo Ascianghi, 5

L'articolo Culinaria il gusto dell’identità: biennale di arte e cibo proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/culinaria-il-gusto-dellidentita-biennale-di-arte-e-cibo/feed/ 0 5489
Nuovi ristoranti a Roma: tutte le proposte di settembre https://www.mangiaroma.com/le-migliori-nuove-proposte-di-ristoranti-a-roma/ https://www.mangiaroma.com/le-migliori-nuove-proposte-di-ristoranti-a-roma/#respond Fri, 14 Sep 2018 15:04:08 +0000 https://www.mangiaroma.com/?p=5480   Al ritorno dalle vacanze sono tante le novità della ristorazione romana. Tra nuove aperture e cambi di direzione la Capitale conferma il trend della passata stagione. Oltre alle inaugurazioni vere e proprie, alcuni locali storici  hanno cambiato pelle per mettersi sotto una nuova luce e e affrontare al meglio questo caldo autunno romano Callegari&Flavio […]

L'articolo Nuovi ristoranti a Roma: tutte le proposte di settembre proviene da Ristoranti Roma.

]]>
 

Al ritorno dalle vacanze sono tante le novità della ristorazione romana. Tra nuove aperture e cambi di direzione la Capitale conferma il trend della passata stagione. Oltre alle inaugurazioni vere e proprie, alcuni locali storici  hanno cambiato pelle per mettersi sotto una nuova luce e e affrontare al meglio questo caldo autunno romano

Callegari&Flavio De Maio – Testaccio

Primo tra tutti il Charro Caffè di Testaccio. Chi non è stato in vita sua in questo storico locale? Cucina messicana e tanto divertimento hanno caratterizzato le serate di tuti coloro che varcavano la soglia di questo ristorante. Ora la gestione passa nelle mani di due grandi ristoratori romani: Stefano Callegari di Trapizzino e Flavio De Maio dell’osteria Velavevodetto. Pizza bassa e “scrocchiarella” tipicamente romana e qualche specialità messicana per mantenere un filo con la passata gestione. Aperto fino a tardi, questa nuova direzione ospiterà 200 coperti interni e altri 300 nel dehors che potrà essere utilizzato anche d’inverno. La collaborazione tra i due prosegue dopo la fortunata esperienza de il Coqui a Fregene.

Grekos Prati

Ha aperto a fine luglio questa piccola taverna nel cuore di Prati,  che promette di diventare uno dei migliori fast food della zona. Perché non è un vero e proprio ristorante, ma ricorda più uno di quei piccoli locali delle Cicladi, dove è possibile mangiare piatti veloci, genuini e stuzzicanti. Qui infatti troveremo i classici della trazione greca, la pita appena sfornata, lo tzatziki, l’immancabile feta e le buonissime foglie di vite biologiche con riso e carne da accompagnare allo yogurt. E’ possibile anche il servizio take away.

Kilo il marchese charro-cafe Mama-Poke grekos

 

Mama Pokè – Eur

Le blowl (ciotole) ripiene di ingredienti tagliati a pezzettini (le famose pokè), sbarcano finalmente anche all’Eur. Dopo la fortunata esperienza di Prati, Mama Pokè ripropone la formula food anche in questo secondo locale prossimo all’apertura. La proposta è sempre la stessa: 6 ricette già studiate dallo chef o la possibilità di creare la propria bowl scegliendo la base ( carboidrato) la proteina ( salmone, tonno tufo ecc), la marinatura e il topping ( edamame, cavolo viola, avocado, wakame, elementi crunchy ). Sarà possibile anche il take away.

Il Marchese Osteria mercato Liquori – Centro Storico

Ha aperto  in estate questo locale che omaggia il Marchese del Grillo nel nome e nelle atmosfere. Appena si entra , all’ingresso, fa capolino  un pavimento fatto interamente di sanpietrini. In un ambiente curato nei minimi dettagli, il messaggio che i proprietari hanno voluto comunicare  è quello della sua doppia anima: da una parte il Carbonaro, con la genuinità la semplicità e la tradizione della cucina romana, dall’altra la nobiltà, propria del Marchese del Grillo. All’interno è stata riprodotta la celebre piazza del mercato, con tutti gli ingredienti esposti. Subito dopo si entra nella vera e propria osteria. Da provare la “Scarpetta del Marchese”: tre sughi della tradizione, amatriciana, ragù e carbonara accompagnati da una rosetta.

Kilo Via della Balduina

Rumors e indiscrezione raccontano di una prossima apertura di questo locale dei Parioli a breve anche nel cuore di Balduina. Carne alla brace di primissima scelta, brunch a pranzo e tanto altro. Stay tuned…

L'articolo Nuovi ristoranti a Roma: tutte le proposte di settembre proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/le-migliori-nuove-proposte-di-ristoranti-a-roma/feed/ 0 5480
Carne e pesce alla brace e Pinsa da oscar da Eliquin sulla Cassia https://www.mangiaroma.com/carne-e-pesce-alla-brace-e-pinsa-da-oscar-da-eliquin-sulla-cassia/ https://www.mangiaroma.com/carne-e-pesce-alla-brace-e-pinsa-da-oscar-da-eliquin-sulla-cassia/#comments Mon, 03 Sep 2018 14:06:57 +0000 http://www.mangiaroma.com/?p=2991 “La cucina è un atto d’amore” questo è il motto del ristorante Eliquin, la nuova stella di Roma Nord. Eliquin nasce 5 anni fa dall’esperienza della famiglia Quinto (proprietaria di La Graticola ristorante storico di pesce in zona Cassia); per cinque anni, Eliquin si è distinta per la qualità della sua carne alla brace e […]

L'articolo Carne e pesce alla brace e Pinsa da oscar da Eliquin sulla Cassia proviene da Ristoranti Roma.

]]>
“La cucina è un atto d’amore” questo è il motto del ristorante Eliquin, la nuova stella di Roma Nord.

Eliquin nasce 5 anni fa dall’esperienza della famiglia Quinto (proprietaria di La Graticola ristorante storico di pesce in zona Cassia); per cinque anni, Eliquin si è distinta per la qualità della sua carne alla brace e della Pinsa Bionaturale. Adesso, da pochi mesi, ha cambiato location (rimanendo sempre in zona Trionfale/Cassia) ed ha unito l’esperienza e la tradizione del ristorante La Graticola, inserendo nel suo menù anche il pesce crudo e cucinato.
L’idea di questa nuova esperienza nasce da Elisabetta Quinto, figlia del proprietario de La Graticola, che dopo anni di successi e di esperienza nell’ambito della ristorazione decide di realizzare un ristorante adatto a tutte le età, dall’atmosfera calda, accogliente come a casa.
L’atmosfera soft e accogliente di Eliquin è data sia dall’arredamento caldo, realizzato con un mix di moderno ed antico,  sia dalla professionalità e cura  dei proprietari e del personale di sala.
 

Il menù è stato pensato per dare risalto alla brace sia per la carne che per il pesce e poi c’è il fiore all’occhiello del ristorante la PINSA BIONATURALE :

Le differenze tra la PINSA e la PIZZA normale, sono la forma ovale o rettangolare e l’idratazione dell’impasto che Rende la PINSA molto più digeribile, l’impasto ha meno carboidrati e meno grassi.
Frumento, riso e soia sono alla base della ricetta e tutto questo fa della pinza un prodotto unico e di alta qualità. Tanti gusti classici ma anche delle belle novità per arricchire di sapore una pizza digeribile, soffice e naturale!
Per gli Antipasti c’è l’imbarazzo della scelta: fritti sia di mare che di terra, tagliere di salumi e formaggi selezionati, tartare di pesce…insomma un ristorante che da’ a tutti l’opportunità di mangiare bene.
Per gli amanti della pasta, non mancano i grandi classici della tradizione italiana sia di mare che di terra: spaghetti alle vongole, gnocchetti allo scoglio, tonnarelli cacio e pepe, spaghetti all’amatriciana.
Passando alla brace, potete sbizzarrirvi con tagliate di manzo o di tonno o un bel galletto ruspante, polpo, spigola o orata il tutto potete accompagnarlo da contorni di stagione.
I dolci, rigorosamente fatti in casa, spaziano dalle crostate con confetture fatte a mano, tiramisù e semifreddi.
La cantina dei vini è buona, abbinata alla carne e al pesce, oppure un abbinamento alla moda è la pizza con lo spumante; non mancano le birre ovviamente, tra cui anche quelle bio.
Durante la bella stagione un grande spazio esterno viene allestito per poter mangiare al fresco, sotto il cielo stellato… freschi e romantici!
Il ristorante Eliquin è adatto a tutte le età,  per una cena tra amici, in coppia, tra colleghi ed in famiglia… l’importante è saper apprezzare la cucina genuina, fatta con il cuore.
 
Eliquin vi aspetta tutti i giorni solo a cena.
 

Prenotazioni ed informazioni: 347 5563441

Via Carlo Gherardini 107
00135 Roma

 

L'articolo Carne e pesce alla brace e Pinsa da oscar da Eliquin sulla Cassia proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/carne-e-pesce-alla-brace-e-pinsa-da-oscar-da-eliquin-sulla-cassia/feed/ 1 2991
Le sette terrazze più belle di Roma dove mangiare d’estate https://www.mangiaroma.com/le-sette-terrazze-piu-belle-di-roma-dove-mangiare-destate/ https://www.mangiaroma.com/le-sette-terrazze-piu-belle-di-roma-dove-mangiare-destate/#respond Tue, 24 Jul 2018 15:57:27 +0000 https://www.mangiaroma.com/?p=5448  Mangiare a Roma d’estate non è mai stato così piacevole come da quando molti locali e alberghi hanno prestato una parte delle loro terrazze alla ristorazione.  Avete mai provato a cenare o a fare aperitivo  su uno dei tantissimi rooftop della Capitale? Sorseggiare un buon bicchiere di bianco ghiacciato, accompagnato da una gustoso primo o […]

L'articolo Le sette terrazze più belle di Roma dove mangiare d’estate proviene da Ristoranti Roma.

]]>
 Mangiare a Roma d’estate non è mai stato così piacevole come da quando molti locali e alberghi hanno prestato una parte delle loro terrazze alla ristorazione.  Avete mai provato a cenare o a fare aperitivo  su uno dei tantissimi rooftop della Capitale? Sorseggiare un buon bicchiere di bianco ghiacciato, accompagnato da una gustoso primo o da un secondo sfizioso, sotto la luce del cielo di Roma e con una vista mozzafiato davanti è un’esperienza da non perdere. Noi ne abbiamo selezionati alcuni tra alberghi e ristoranti che si sono adeguati a questa tendenza, dove tutti i sensi vengono esaltati e il piacere degli occhi diventa un tutt’uno con quello del gusto.

PIANOALTO

Lungotevere Portuense 200 ( Testaccio)

Ha aperto da pochissimo e conta di essere la scommessa più riuscita di questa calda estate 2018. Pianoalto, figlio del già  collaudato Pianostrada, vanta uno spazio su due piani a pochi passi dal Gazometro. La vista è quella che abbraccia il  Tevere, l’Aventino, il Mattatoio, il Gazometro e il  Monte dei Cocci, e che fino a poco tempo fa era del locale Pasticcio. L’offerta gastronomica è quella di Pianostrada ma con delle new entry particolarmente interessanti. Infatti, oltre alle focacce e ai panini mignon, non si può non provare la zuppa fredda di crostacei o gli spaghettoni con cozze grigliate, fiori di zucca, pecorino fallisco e limone candito ( solo per citare alcune delle proposte del menu). I prezzi sono alti ma la qualità va di pari passo…

TERRAZZA LES ETOILES

Via Giovanni Vitelleschi 34 | Via Bastioni n.1 ( Prati – Borgo Pio – Vaticano)

E’ uno dei luoghi più in voga degli ultimi tempi, anche per la  sua collocazione, nel cuore del quartiere Prati  e vanta una delle terrazze più suggestive di Roma da cui si può ammirare a distanza ravvicinata, la Cupola di San Pietro. All’ultimo piano del bellissimo Atlante Hotel   fa capolino la Terrazza Les Etoile, il roof garden dell’albergo, un luogo senza tempo in cui è possibile rimanere incantanti ad osservare lo skyline dell’Urbe, assaggiando piatti della cucina italiana tradizionale con un tocco di internazionalità. Les Etoiles  ha adottato al formula “all day long”; si potrà mangiare in  ogni momento della giornata. Dalla colazione, al  lunch, dall’aperitivo all’after dinner per arrivare poi il weekend al brunch. I piatti: tra i primi da provare i  tagliolini umbri impastati con uova d’oca con rombo e basilico, fettuccine all’uovo con ragù bianco d’agnello e tagliolini con crema ai quattro formaggi e tartufo nero di Norcia . Tra i secondi, da non perdere trancio d’Ombrina con noce Macadamia e menta oppure il millefoglie di rombo con lamelle di patate.

caffè delle arti imago terrazza dei papi mirabelle Pianoalto Les Etoiles Zuma

CAFFÈ DELLE ARTI

Via A. Gramsci, 73 ( Parioli)

Nello splendido contesto di Villa Borghese ecco che si trova una delle caffetterie -ristorante più eleganti di Roma. Il caffè delle Arti  nel quartiere Parioli, d’estate apre la sua splendida terrazza al cui interno si può pranzare o cenare con una vista che domina su  tutta Valle Giulia. I piatti sono quelli della cucina mediterranea ed internazionale. A pranzo si può usufruire del ricco buffet mentre la sera il menù è rigorosamente alla carta. La domenica è possibile anche pranzare con la formula Brunch. Da provare la verticale di melanzane e i taglioni con gamberi e zucchine. Consigliato a tutti coloro che vogliono vivere un’esperienza gastronomica che sconfini nell’arte

ZUMA

Via della Fontanella Borghese 48 ( Centro Storico)

La terrazza giapponese più trendy della capitale. Il roof top di palazzo Fendi  offre ai propri clienti un aperitivo con vista sul centro storico. Una ricca varietà di cocktail e vini accompagnano piatti orientali regalando a questo luogo un’atmosfera glamour e patinata.  La musica di sottofondo rende ancor di più magico il tutto.  Dal ristorante consigliati il merluzzo nero, il maiale iberico e il manzo wagyu.

LA TERRAZZA DEI PAPI 

Via Carlo Alberto 3 ( Esquilino)

Ideale per una cena romantica a lume di candela, il rooftop del ristorante la Terrazza dei Papi offre una delle più belle viste sulla Basilica di Santa Maria Maggiore. Al tramonto poi il cielo si illumina  rendendo questa esperienza ancor più indimenticabile. Il menù è vario e offre sia piatti di carne che di pesce; lo chef propone raffinati piatti di cucina mediterranea e regionale accompagnati da una ricca selezione di vini nazionali  e internazionali. Ottimo rapporto qualità prezzo.

IMÀGO

Piazza Trinità dei Monti, 6 ( Centro storico)

L’Imàgo è il ristorante dell’Hotel Hassler e vanta  una stella Michelin. La vista è mozzafiato e raccoglie i più celebri monumenti di Roma. Dal ristorante si può ammirare la chiesa di Santa Maria Maggiore, San Giovanni in Laterano, il Quirinale, Villa Colonna , Sant’Andrea delle Fratte, il Campidoglio e il monumento a Vittorio Emanuele II, Palazzo Venezia, l’Aventino, il Pantheon, la chiesa di Sant’Agnese a Piazza Navona, Castel Sant’Angelo, l’obelisco, i giardini di Villa Medici, Villa Borghese e ovviamente  la chiesa di Trinità dei Monti. Se per la prima volta varcate la soglia di questo locale il nostro consiglio è quello di provare il menù degustazione dello chef Francesco Apreda. La degustazione  può variare dalle 6 alle 10 portate e cambia a seconda della stagionalità dei prodotti. Da non perdere il minestrone di Stagione all’ Essenza di Mar e il filetto di Ombrina al Cartoccio di Argilla.

MIRABELLE 

Via di Porta Pinciana, 14 ( Via Veneto)

Annesso all’Hotel Splendide Royal, il ristorante Mirabelle gode di una magnifica terrazza panoramica da cui poter osservare dall’alto Villa Medici, Trinità dei Monti  San Pietro e il Gianicolo. A pochi passi da Via Veneto la cucina del Mirabelle è  affidata allo chef Stefano Marzetti che delizia il palato con terrine di Foie Gras accompagnate da confetture di Ciliegie e Pan Brioche al Pistacchio di Bronte, o Caramelle di Pasta Fresca con Cremoso d’Uovo, Guanciale Croccante Asparagi e Tartufo Nero Estivo. Per quanto riguarda i dolci da non perdere le meringhe Soffiate con perle di Castagne e Gelato al Baileys e il Tortino Fondente con Gorgonzola e Pere al Miele

L'articolo Le sette terrazze più belle di Roma dove mangiare d’estate proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/le-sette-terrazze-piu-belle-di-roma-dove-mangiare-destate/feed/ 0 5448
Nuovo ristorante greco a Roma: Grekos https://www.mangiaroma.com/nuovo-ristorante-greco-a-roma-grekos/ https://www.mangiaroma.com/nuovo-ristorante-greco-a-roma-grekos/#respond Thu, 19 Jul 2018 16:36:37 +0000 https://www.mangiaroma.com/?p=5439 Da un’idea di Fratzis Kakias originario dell’isola di Kos, Mauro De Felice e Anna Paola Rinaldi, già proprietari di Ippokrates a Via Piave, nasce Grekos, il nuovo ristorante “Casual greek food” di Roma. A via Marcantonio Colonna angolo con Via dei Gracchi, il ristorante greco Grekos si vuole differenziare per l’offerta gastronomica originale e attuale: […]

L'articolo Nuovo ristorante greco a Roma: Grekos proviene da Ristoranti Roma.

]]>
Da un’idea di Fratzis Kakias originario dell’isola di Kos, Mauro De Felice e Anna Paola Rinaldi, già proprietari di Ippokrates a Via Piave, nasce Grekos, il nuovo ristorante “Casual greek food” di Roma.

A via Marcantonio Colonna angolo con Via dei Gracchi, il ristorante greco Grekos si vuole differenziare per l’offerta gastronomica originale e attuale: non solo cibo greco di primissima qualità e tradizione, ma anche e soprattutto proposte vegetariane, vegane e per celiaci che incontreranno i gusti di un pubblico sempre più esigente e diffuso.

Un ambiente accogliente, luminoso e curato ci accoglie insieme al proprietario timido e sorridente, emozionato per questa nuova avventura tutta improntata sulle tendenze nutrizionali e salutistiche., senza trascurare i piatti tipici ellenici.

Un bancone accogliente per il take away e per un pranzo veloce si erge nella prima sala, mentre nello spazio subito accanto troverete tavoli in legno chiaro dove sedersi e gustare i piatti serviti a tavola. Il personale è gentile e preparato, l’ambiente è moderno, il menù ricco di scelte dagli antipasti ai dolci, tutto rigorosamente selezionato in Italia e in Grecia.

Grekos

Tra gli antipasti vogliamo menzionare lo Tzatziki (tradizionale salsa greca a base di yogurt greco aglio e cetriolo) e la Tirokafteri (salsa di feta piccante)…buonissime…. ed una specialità da non perdere la Feta Tiganiti (feta fritta avvolta nella pasta fillo con miele, noci e melograno) vi sembrerà di assaggiare una seadas greca ma molto più particolare!!!

Tra i secondi e i piatti unici immancabili le PITE TRADIZIONALI (con carne di maiale, manzo o pollo accompagnate da pomodori, patate fritte, cipolla e tzatziki) o le PITE VEGETARIANE (con polpette di ceci o feta al posto della carne); la MOUSAKAS (sformato di patate, melanzane, carne macinata e besciamella), la sua versione VEGETARIANA con le zucchine al posto della carne macinata, i SOUVLAKI (spiedini di suino), le INSALATE GRECHE (feta, pomodori, cetrioli, ciplla e olive).

I dolci sono un fiore all’occhiello del ristorante Grekos: oltre ai famosi e sempre buoni BAKLAVADAKIA (pasta fillo, mandorle e noci), vogliamo segnalare gli yogurt greci con i vari abbinamenti (con miele e noci, con marmellata di petali di rosa o di amarena ed il più particolare quello con la marmellata e i pezzetti di uva).

Il tutto accompagnato da un buon bicchiere di birra (tutte selezionate tra quelle non filtrate, biologiche etc) o da una bottiglia di vino greco, tra cui una menzione speciale va fatta per la scelta di una etichetta biologica del Retsina (famoso vino resinato).

Insomma una varietà di portate tutte di alta qualità, ingredienti freschi e genuini selezionati dalle migliori carni di allevamento in Italia e prodotti tipici importati dalla Grecia, per un risultato vincente, un ristorante che non si dimentica e che diventerà il punto di riferimento per pranzi veloci, pasti take away o cene con amici amanti della Grecia e dei sapori genuini.

Non ci resta che augurare a questo nuovo ristorante a Roma i nostri migliori auguri e come dice anche il motto di Grekos… TASTE THE MYTH!

Aperto tutti i giorni dalle 11.00 alle 23.30

Via Marcantonio colonna 20

 

 

L'articolo Nuovo ristorante greco a Roma: Grekos proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/nuovo-ristorante-greco-a-roma-grekos/feed/ 0 5439
Taste of Roma: l’evento dei grandi Chef https://www.mangiaroma.com/taste-of-roma-levento-dei-grandi-chef/ https://www.mangiaroma.com/taste-of-roma-levento-dei-grandi-chef/#respond Thu, 12 Jul 2018 17:48:42 +0000 https://www.mangiaroma.com/?p=5433 Dal 20 al 23 settembre torna Taste of Roma  L’evento che celebra i grandi chef della Capitale  Anche quest’anno i Giardini Pensili di Auditorium Parco della Musica ospiteranno Taste of Roma. Arrivato quest’anno alla settima edizione, l’evento, in calendario dal 20 al 23 settembre, vedrà come protagonista l’alta cucina stellata. Anche per questa edizione Mangiaroma […]

L'articolo Taste of Roma: l’evento dei grandi Chef proviene da Ristoranti Roma.

]]>

Dal 20 al 23 settembre torna Taste of Roma 

L’evento che celebra i grandi chef della Capitale 

Anche quest’anno i Giardini Pensili di Auditorium Parco della Musica ospiteranno Taste of Roma. Arrivato quest’anno alla settima edizione, l’evento, in calendario dal 20 al 23 settembre, vedrà come protagonista l’alta cucina stellata. Anche per questa edizione Mangiaroma sarà Media Partner dell’evento. 

L’ormai consueto appuntamento torna ad essere ancora una volta l’occasione ideale per avvicinarsi ai grandi chef, potendo osservarli dal vivo e provare la loro idea di cucina. Saranno 4 le portate elaborate dagli chef a un costo accessibile a tutti (variabile tra i 6 e i 10 sesterzi. 1 sesterzio equivale a 1 euro).

Quest’anno verranno allestite  18 cucine, tre in più rispetto allo scorso anno, sulle quali si cimenteranno oltre 20 chef della cucina italiana con un menù complessivo di 72 portate realizzate live durante la manifestazione.

Tra le più avvincenti attività di questa edizione ci saranno: cocktail Academy, divertenti degustazioni, abbinamenti birra-cibo e spettacolari showcooking. 

I RISTORANTI DI TASTE OF ROMA 2018 

1. Acquolina _ Chef Angelo Troiani
2. All’Oro _ Chef Riccardo Di Giacinto
3. Barrique _ Chef Oliver Glowig
4. 
Bistrot 64 _ Chef Kotaro Noda
5. Enoteca Achilli Al Parlamento _ Chef Massimo Viglietti 6. Finger’s _ Chef Roberto Okabe
7. Glass Hostaria _ Chef Cristina Bowerman
8. Il Convivio Troiani _ Chef Angelo Troiani
9. Imàgo all’Hassler _ Chef Francesco Apreda
10.La Pergola – Hotel Rome Cavalieri _ Chef Heinz Beck 
11.La Terrazza Hotel Eden _ Chef Fabio Ciervo
12.Maestri in Cucina Ferrarelle
13.Magnolia _ Chef Franco Madama
14.Metamorfosi _ Chef Roy Caceres
15.Mirabelle Hotel Splendide Royal _ Chef Stefano Marzetti 16.Per Me _ Chef Giulio Terrinoni
17.Ristorante Il Tino _ Chef Daniele Usai
18.Tordomatto _ Chef Adriano Baldassarre 

IL TEMA DI TASTE OF ROMA 2018 

Quest’anno il IV° piatto del menu di ogni ristorante sarà il #piattodautore.

Taste of Roma 2018 infatti avrà come tema l’arte . Ogni chef presenterà un piatto ispirato ad un’opera artistica che più rappresenta la loro evoluzione culinaria. 

I BIGLIETTI DI TASTE OF ROMA 

Il costo del biglietto di ingresso resta confermato  a 16,00 euro.

Come ogni anno per i nostri clienti e followers ecco il codice di sconto TOR18009.

Con l’acquisto si ha accesso all’evento con la possibilità di partecipare a tutte le attrazioni.

Per chi desidera invece un ambiente riservato, un’accoglienza vip all’insegna del massimo comfort, è prevista La Vip Lounge. Il costo per l’accesso  è di 60 euro e sono previste attività di degustazioni riservate. 

Dove: Giardini Pensili | Auditorium Parco della Musica | viale Pietro de Coubertin, 30 | 00196 ROMA
Quando: 20, 21, 22, 23 settembre 2018 

Orari di apertura al pubblico: 

  •  20/9 – giovedì 19:00 – 24:00 
  •  21/9 – venerdì 12:00 – 15:30 (su accredito) | 19:00 – 24:00 
     22/9 – sabato 12:00 – 17:00 | 19:00 – 24:00 
     23/9 – domenica 12:00 – 17:00 | 19:00 – 24:00 
 
 
 

L'articolo Taste of Roma: l’evento dei grandi Chef proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/taste-of-roma-levento-dei-grandi-chef/feed/ 0 5433
Pizzeria in Prati “Salvatore di Matteo Le Gourmet”:  nuovo salotto della pizza napoletana https://www.mangiaroma.com/pizzeria-in-prati-salvatore-di-matteo-le-gourmet-nuovo-salotto-della-pizza-napoletana/ https://www.mangiaroma.com/pizzeria-in-prati-salvatore-di-matteo-le-gourmet-nuovo-salotto-della-pizza-napoletana/#respond Thu, 28 Jun 2018 17:43:24 +0000 https://www.mangiaroma.com/?p=5417 A pochi passi da piazza Cavour, dove fino a poco tempo faceva capolino Splendor, ha aperto i battenti  il nuovo locale di Salvatore di Matteo.  Discendente di una storica famiglia di pizzaioli, lo chef inizia a muovere i primi passi nel mondo della pizza fin da piccolo. L’amore per gli impasti, lo renderanno nel giro […]

L'articolo Pizzeria in Prati “Salvatore di Matteo Le Gourmet”:  nuovo salotto della pizza napoletana proviene da Ristoranti Roma.

]]>
A pochi passi da piazza Cavour, dove fino a poco tempo faceva capolino Splendor, ha aperto i battenti  il nuovo locale di Salvatore di Matteo. 

Discendente di una storica famiglia di pizzaioli, lo chef inizia a muovere i primi passi nel mondo della pizza fin da piccolo. L’amore per gli impasti, lo renderanno nel giro di pochi anni un protagonista assoluto della vera pizza napoletana.

Oltre la pizza, il locale di di Matteo offre ai suoi ospiti anche una ricca varietà di fritti, sempre legati alla tradizione napoletana. Si spazia dalla frittatina di pasta all’arancino, passando per le deliziose crocchè di patate o all’intramontabile fiore di zucca in pastella farcito. La bontà e la fragranza dei fritti è dovuta, oltre alla scelta delle materie prime e alle ricette tramandate, anche alla friggitoria professionale che trova spazio all’interno del locale, accanto al forno dove vengono sfornate pizze e calzoni. In questo angolo si può ammirare  anche un bellissimo bancone in marmo di Carrara dove la brigata garantisce che le cotture siano in linea con la filosofia del Maestro Pizzaiolo. Negli 800 mq di locali, dislocati su tre piani, l’arredamento riprende i classici colori partenopei, come le maioliche che impreziosiscono i tavoli,  il tutto però  rivisitato in chiave moderna e metropolitana. 

Salvatore di Matteo Le Gourmet Matteo Margherita bufalina Fritti Salvatore di Matteo Le Gourmet ECCELLENZE DEL SUD Salvatore di Matteo Le Gourmet S. Di Matteo Faccia Gialla Salvatore Di Matteo @ Le Gourmet

La regina indiscussa comunque rimane la pizza, da provare la pizza fritta “Essenzia” con provolone del Monaco, pomodoro del Piennolo, provola di latte vaccino e basilico; la pizza “Special Edition” Campania Felix con doppio pomodoro tra cui il Piennolo e mozzarella di bufala. Da non perdere anche la “Faccia Gialla”, oramai “must” apprezzatissimo, con pomodorini gialli del Vesuvio, mozzarella di bufala e zest di limoni di Sorrento. 

Ovviamente non mancano i dolci della tradizione, prodotti nel laboratorio interno del locale e che rispecchiano in pieno tutti i sapori e i profumi della pasticceria napoletana. Dolci come pastiere babà e sfogliatelle possono anche essere degustati nell’area  riservata alla caffetteria, aperta dalle 7 alle 24.  

Un’altra particolarità, che di questi tempi è soprattutto una rarità, è quella legata al conto: infatti sul menù non si troverà nessuna pizza che costi più di 10 euro. Questa scelta è stata fatta espressamente da di Matteo per rimanere in linea con la filosofia della tradizione napoletana nonostante la pizza sia gourmet.   

Infine in un piccolo angolo del locale si possono trovare una linea di prodotti a marchio“Eccellenze del Sud” che lo chef ha voluto riservare alle sue pizzerie in franchising, anche in confezione retail per il pubblico appassionato.

La tradizione napoletana sposa appieno le atmosfere capitoline, Salvatore di Matteo le Gourmet diventerà un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono mangiare bene, che amano la cucina partenopea e anche gli ambienti accoglienti, curati e ben frequentati.

 

SALVATORE DI MATTEO LE GOURMET 

Via Vittoria Colonna 32 Tel. 06 86766621. 

La pizzeria è aperta dalle 12.00 alle 24.00.

Il reparto caffetteria, aperitivi, cena e dopo cena dalle 7.00 alle 24.00 

 

L'articolo Pizzeria in Prati “Salvatore di Matteo Le Gourmet”:  nuovo salotto della pizza napoletana proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/pizzeria-in-prati-salvatore-di-matteo-le-gourmet-nuovo-salotto-della-pizza-napoletana/feed/ 0 5417
Ristorante SAULO: belvedere sulla Basilica di San Paolo unico a Roma https://www.mangiaroma.com/ristorante-all-aperto-a-roma/ https://www.mangiaroma.com/ristorante-all-aperto-a-roma/#respond Wed, 13 Jun 2018 18:29:54 +0000 https://www.mangiaroma.com/?p=5404 Quando la storia incontra la qualità gastronomica si può gridare: Eureka! Il ristorante Saulo (nome originario di San Paolo) ha aperto pochi mesi fa in zona Ostiense, precisamente difronte alla Basilica di San Paolo fuori le mura: un locale meraviglioso nell’aspetto e per la posizione, con un menù firmato dal Maestro pastaio Mauro Secondi, una […]

L'articolo Ristorante SAULO: belvedere sulla Basilica di San Paolo unico a Roma proviene da Ristoranti Roma.

]]>
Quando la storia incontra la qualità gastronomica si può gridare: Eureka!

Il ristorante Saulo (nome originario di San Paolo) ha aperto pochi mesi fa in zona Ostiense, precisamente difronte alla Basilica di San Paolo fuori le mura: un locale meraviglioso nell’aspetto e per la posizione, con un menù firmato dal Maestro pastaio Mauro Secondi, una delle più autorevoli professionalità del settore a Roma. I proprietari del ristorante sono due giovani imprenditori romani Paolo Rosmarino della pasticceria Barberini e Francesco Profili della torrefazione Profili Caffè.

Saulo si sviluppa in tre spazi: una sala interna con pochi posti, cucina a vista, elegante scaffalatura di vini in legno chiaro, tavoli ben apparecchiati per un ambiente moderno ma molto curato e accogliente; il “cortile” esterno ricavato dalla valorizzazione di un sepolcreto, restaurato dai proprietari, mantenendo il più possibile intatti i materiali storici; una terrazza meravigliosa che affaccia sulla Basilica.

Un ristorante all’aperto a Roma che non dimenticherete, un’esperienza unica sia per la suggestiva atmosfera sia per la qualità dei piatti in menù. La maestria del Maître di sala e di tutto lo staff del servizio, che accolgono il cliente facendolo sentire a proprio agio ma coccolandolo dall’inizio alla fine del pasto, rendono l’ambiente ancora più piacevole.

Il menù, studiato nei dettagli, cambia seguendo le stagionalità degli ingredienti e viene, perciò, realizzato trimestralmente aggiungendo ai piatti “evergreen” abbinamenti originali con i prodotti freschi che la natura offre mese per mese. Un mix perfetto di tradizione romana e cucina rivisitata sia di carne che di pesce.
Quando abbiamo provato il menù, tra i piatti che abbiamo scelto ricordiamo con grande entusiasmo per gli antipasti “l’uovo Bio Guasi in camicia con asparagi e vele di guanciale” e il “Tortino quadrato di alici con mozzarella fondente su coulis di pomodoro”.
Una menzione a parte va fatta per i primi piatti realizzati con la pasta fatta in casa del pastificio Secondi, che anche solo guardandola viene voglia di mangiarla cruda… Grazie al sapore deciso e impeccabile delle varie tipologie di pasta, ogni piatto è davvero unico e anche una semplice “carbonara” ha tutto un altro sapore! Noi abbiamo provato e apprezzato moltissimo i “Ravioli ripieni di pecorino con le cozze, crema allo zafferano e fiori di zucca” e lo “Spaghettone fresco burro e alici con polvere di pane”.
Per i secondi indimenticabile il “Polpo croccante, patate schiacciate, fagiolini, datterino e pesto di prezzemolo” e la “ Punta di petto di vitello alla fornara, piselli e prosciutto”.

Arrivati a fine pasto un’altra sorpresa: i dolci freschi e strepitosi provengono dalla Pasticceria Barberini e per i Caffè viene portata una carta a parte con 7 miscele diverse della Torrefazione Profili.

Ma non finisce qui… Saulo è anche cocktail bar grazie alla sua squadra di bartender di mixology che durante l’aperitivo o il dopocena, vi stupiranno con drink realizzati ad arte. In estate la terrazza ospita eventi con musica dal vivo, sia per l’aperitivo che per il dopocena, seguite la pagina facebook del locale per rimanere aggiornati: clicca qui.
Tutto al ristorante Saulo è curato, è voluto e ricercato per far sì che il cliente trascorra delle ore in una location unica a Roma, con una offerta enogastronomica da far invidia agli stellati! Questa la frase che trovate in menù e che vogliamo condividere con voi: “qui troverete una cucina che racconta la nostra storia, chi siamo e da dove veniamo, con uno sguardo al futuro. UN ATTO D’AMORE PER ROMA”.

 

Saulo: Via Ostiense, 251

 06 575 0461

Dal Lunedi al Sabato

dalle 18:30 alle 02:00

Domenica

dalle 12:00 alle 14:00

 

dalle 18:00 alle 02:00

L'articolo Ristorante SAULO: belvedere sulla Basilica di San Paolo unico a Roma proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/ristorante-all-aperto-a-roma/feed/ 0 5404
Vinòforum 2018: dal 15 al 24 giugno https://www.mangiaroma.com/vinoforum-2018/ https://www.mangiaroma.com/vinoforum-2018/#respond Fri, 08 Jun 2018 13:53:42 +0000 https://www.mangiaroma.com/?p=5397 Torna Vinòforum, dieci giornate dedicate al vino e al mondo dell’enogastronomia stellata DAL 15 AL 24 GIUGNO – Lungotevere Maresciallo Diaz – Zona Farnesina Roma Vinòforum quest’anno festeggia la sua XV edizione e torna con un format ricco di novità e spunti di riflessione per tutti gli amanti del vino e del buon cibo. Quest’anno […]

L'articolo Vinòforum 2018: dal 15 al 24 giugno proviene da Ristoranti Roma.

]]>

Torna Vinòforum, dieci giornate dedicate al vino e al mondo dell’enogastronomia stellata

DAL 15 AL 24 GIUGNO – Lungotevere Maresciallo Diaz – Zona Farnesina Roma

Vinòforum quest’anno festeggia la sua XV edizione e torna con un format ricco di novità e spunti di riflessione per tutti gli amanti del vino e del buon cibo. Quest’anno Mangiaroma sarà mediapartner dell’evento. 

Saranno presenti  oltre 500 cantine vitivinicole italiane e internazionali, per un totale di circa 2.500 etichette in degustazione. E se il vino sarà come di consueto il protagonista indiscusso della manifestazione, tanti sono i format in programma che vedranno la partecipazione di grandi chef, maestri pizzaioli, esperti di settore e degustatori d’eccezione.

Tra le novità spiccano gli appuntamenti di The Night Dinner, le cene esclusive che vedono grandi nomi della cucina abbinare le proprie creazioni a vini d’eccellenza.

Ma non solo, nel corso della manifestazione uno spazio sarà dedicato agli chef stellati della Capitale che all’interno del format Cucine a Vista proporranno tre diverse portate, dai pezzi forti del proprio repertorio e nuove creazioni frutto di estro, ricerca e tecniche innovative.  

Per l’occasione i piatti degli chef saranno accompagnati dai grandi Champagne delle cinque Maison più importanti al mondo Dom Pérignon, Krug, Veuve Clicquot, Moët & Chandon, Ruinart. 

Tra gli chef stellati protagonisti dell’evento ricordiamo: Maurizio e Sandro Serva (La Trota), Roy Caceres (Metamorfosi), Giuseppe Di Iorio (Aroma), Gianfranco Pascucci (Pascucci al Porticciolo), Massimo Viglietti (Enoteca Achilli al Parlamento), Adriano Baldassare (Tordomatto), Riccardo Di Giacinto (All’Oro), Daniele Usai (Il Tino), Kotaro Noda (Bistrot 64), Alessandro Narducci (Acquolina), Davide Pezzuto (D.One), Marco Casshai (Atman a Villa Rospigliosi), Roberto Rossi (Il Silene), Marco Bottega (Aminta Resort), Nicola Damiani (Osteria di Passignano). 

Nel dettaglio ecco i format previsti per Vinòforum2018:

Wine & Gourmet Arena – Un palcoscenico posizionato nel cuore della manifestazione dove si preparano a debuttare 24 show tra degustazioni, talking e presentazioni tenute da enti, organizzazioni, testate giornalistiche del settore e con protagoniste le migliori produzioni enogastronomiche nazionali ed internazionali. 

Cucine a vista – A battesimo i nuovi temporary restaurant che quest’anno permetteranno di assaggiare piatti stellati in abbinamento a vini d’eccellenza, a cominciare dallo champagne.
Ai fornelli si alterneranno infatti 24 grandi chef stellati ognuno dei quali presenterà 3 piatti da abbinare alle più famose bollicine francesi. 

The Night Dinner / Viaggio nella memoria olfattiva – Grandi nomi della cucina firmeranno cene esclusive (con posti limitati e solo su prenotazione). Ogni sera in scena un viaggio nel tempo guidato dalla memoria olfattiva: odori e sapori, dal passato, passando per il presente fino ad arrivare al futuro. Una cena i cui piatti saranno abbinati a grandi vini.

Maestri in Cucina – 10 incontri, 10 menu a 4 mani, 10 cantine in abbinamento. Tornano, ma anch’esse riviste, le special dinner che vedranno la partecipazione di rinomati maestri pizzaioli e grandi chef che daranno vita a piatti unici (solo su prenotazione e con posti limitati). 

Vinòforum Academy – rivisitazione in arrivo pure per lo spazio di Vinòforum dedicato alla formazione e aperto a tutti gli appassionati, esperti e non, che desiderano avvicinarsi al mondo dell’enologia, per scoprirne i segreti e conoscere da vicino i protagonisti. Novità del 2018 la creazione di uno spazio Oleoteca dedicato ai migliori oli extravergini di oliva italiani, di un’area Enoteche che ospiterà le più importanti del territorio di Roma e del Lazio e un Salotto di Distillati calendarizzato in compagnia degli esperti di WhiskyItaly. Saranno 40 in tutto i tasting in agenda (10 le top tasting dedicate al settore), condotti da esperti, produttori e dai Master Sommelier della Vinòforum Academy.

Alchemiq Bar – novità assoluta del 2018, è uno spazio dedicato alla miscelazione d’eccellenza. Dieci bartender, tra i migliori in Italia, si alterneranno con il barman resident di Alchemiq, il nuovissimo locale a Roma dedicato alla miscelazione 

Monday – Sunday Class (riservato a operatori del settore) – Due incontri wine&food business, in programma lunedì 18 e domenica 24 giugno, dedicati ai canali di commercializzazione dell’enogastronomia. Gli appuntamenti si rivolgono a ristoratori, enotecari, hotellerie, grossisti import- export, stampa specializzata e degustatori d’eccezione.

COLPO D’OCCHIO SU VINÒFORUM

Vinòforum Zona Farnesina – Roma | 15-24 giugno, dalle ore 19:00 alle 24:00 (fino alle 01:00 venerdì e sabato). Biglietto di ingresso comprensivo di calice e carnet da 10 degustazioni di vino.

Degustazioni, Cene e Food Show con posti limitati e prenotazione obbligatoria su www.vinoforum.it/spazio-del-gusto/2018/

 
 
 
 

L'articolo Vinòforum 2018: dal 15 al 24 giugno proviene da Ristoranti Roma.

]]>
https://www.mangiaroma.com/vinoforum-2018/feed/ 0 5397